venerdì 7 novembre 2008

Il comico, l'abbronzato e gli imbecilli

La gaffe del Presidente del Consiglio è sulla bocca di tutti, molti si sono vergognati, giustamente, e offesi in quanto considerati imbecilli. Giusto.
Bisognerebbe ricordargli che non può parlare come se fosse al bar o al Bagaglino...!
Mi piacerebbe che questa indignazione generale ci fosse stata anche quando ha approvato le mille leggi ad personam, Lodo Alfano e depenalizzazione falso in bilancio, o quando spacciava per eroe Mangano.
Comunque, oggi volevo parlare di Obama, dato che non l'ha fatto nessuno...!!
Tutti a magnificare la sua elezione.
A complimentarsi coi discorsi di cambiamento.
E io gli credo. Per me è sincero.
Ma, forse a causa del mio pessimismo, non credo riesca in questa impresa di ribaltare come un calzino gli USA, con tutte le sue regole finanziarie, economiche, le lobby, multinazionali, gli appoggi arabi, i signori della guerra, ecc. Figure che spesso si intersecano tra loro e a volte coincidono.
Per me sarà dura anche ritirare le truppe dall'Iraq, e ancora di più dall'Afghanistan.
E poi con L'Iran?Cosa si farà?
E Israele e Palestina?
Per adesso sono argomenti passati in secondo piano causa la grande crisi, ma prima o poi riemergeranno, colmi di sangue di vite civili.
Ciò che voglio dire è che comunque sia Obama si deve inserire in un contesto nel quale è difficile muoversi, anche all'interno del suo partito ci sono moderati potenti che ostacoleranno i suoi sogni di equità sociale.
Gli Usa non sono mai stati socialisti, basterà Obama e la crisi finanziaria per riequilibrare la forte diseguaglianza sociale vigente quest'oggi negli States?
Io non sono un politologo o esperto in questioni d'oltreoceano, chiaramente, faccio le mie considerazioni in base alla mia logica.
E avverto un ottimismo non basato su fatti ma su emozioni.
Spero di sbagliarmi, buon futuro a tutti!!

1 commento:

Mattia ha detto...

anch'io non sono totalmente convinto che Obama riesca in quello che ha promesso. Ma sembra una persona seria con delle idee diverse, le quali, a mio modesto avviso, centrano i cuori di molti problemi degli States. Nessuno può fare miracoli ma l'impegno, la volontà, l'intelligenza sono sicuramente caratteristiche che permetteranno a Obama di avere, se non altro, l'appoggio della gente anche nelle sofferenze.
Nel mondo c'è vento di crisi.
In America si getta il vecchio per far entrare il nuovo.
In Italia si ricicla solo dove non si dovrebbe: in politica.