venerdì 13 giugno 2008

Morti dentro?

Allora, qua le cose si stanno mettendo male.
Almeno fino a qualche anno fa c'era chi protestava, s'incazzava, scendeva in piazza, girotondi, no-global, ecc. Pur non condividendo sempre il metodo usato da questi 'ribelli', almeno c'era il senso dell'indignazione in un 25-30% della popolazione italiana.
Nel 2003 quando entrammo in guerra contro l'Iraq al fianco degli Stati Uniti, milioni di bandiere della Pace furono appese ai balconi in segno di protesta.
Oggi, cinque anni dopo, il silenzio dei 'ribelli' è assordante.
Nessuno si incazza, se non tra sé e sé, si manda tutti a fanculo, e si tira a campa'.
Ma ai nostri figli chi ci pensa?? Che cazzo di futuro gli lasciamo?
Io tra qualche mese potrei sequestrare una persona, e non mi prenderanno mai, se proibiscono le intercettazioni. Per non parlare di ammazzare o ricattare qualcuno. Non sono mafioso, ricatto un milionario per telefono, mi fo dare i soldi, e arriverdci, parto per le Bahamas. Chi me lo impedisce, se son fortunato ce la faccio.
Poi al limite potrei sempre sperare di avere una figlia bona per farle fare la velina, la letterina o Amici. Se ho un maschio, il tronista con il marito di Costanzo. Ecco le nostre speranze, è così che vogliamo il nostro futuro?
Ma dico, possibile che nessuno se ne fotti di questo fascismo dilagante?!?
Anche l'altro giorno a Milano i ragazzi sono stati picchiati perchè protestavano, dopo i fatti di Chiaiano è già la seconda volta che la Polizia picchia chi deve proteggere, perchè per chi se lo fosse scordato la Polizia deve proteggere noi cittadini, no i politici e i partiti.
Siamo così berlusconizzati al punto di fregarcene di tutto?
E' bastata la delusione di questa sinistra per precipitare nell'indifferenza più totale?
Io sinceramente non ho più parole, se fossi a Roma starei tutti i fine settimana a rompe le palle ai politici e organizza manifestazioni di protesta, in attesa di una guerriglia vera e propria...
Forse ho ragione quando dico che fino a che non ci tolgono il pane dalla bocca e i soldi dalle tasche nessuno si muoverà mai.

4 commenti:

Valerio ha detto...

Ci hanno fatto credere che la colpa di tutto è dei clandestini, del petrolio caro, che siamo tutti intercettati, che i magistrati fanno politica. Quelli che non avrebbero fatto niente prima sono ancora più roncoglioniti, noi che ci informiamo e ci incazziamo non possiamo fare niente, perchè la nostra priorità è trovare un lavoro decente che non ci ammazzi. Ce l'hanno messo nel culo a tutti, con la differenza che a noi ci fa male

Anonimo ha detto...

rocco questo post e' troppo bello e se non ti dispiace vorrei metterlo sul mio blog, ovviamente con il riferimento al tuo blog. posso?

www.stefanoacork.blogs.it

rokko.79 ha detto...

grazie zio, certo che puoi, se non l'hai già fatto fallo. ciao

Anonimo ha detto...

Ecco fatto:

http://stefanoacork.blogs.it/2008/06/16/da-leggere-4323112


grazie